Dalla Preistoria con amore, in Valle di Ledro!

2 luglio 2019 4:17 pm

Sulle rive di uno dei laghi più belli del Trentino, quello di Ledro, sorge un museo che fa rivivere a bambini e appassionati di storia, uno dei momenti più belli della civiltà: l’età del bronzo! E fra ricostruzioni e resti originali di un villaggio palafitticolo (2.200-1350 a.C.) il Museo delle Palafitte del Lago di Ledro riapre e lo fa in grande stile, con uno spazio più vasto e tutto l’amore per la scoperta di sempre.

Un’estate da “antenati”

“Wilmaaaa, dammi la clava”. Alzi la mano chi almeno una volta, alla parola preistoria non ha pensato al celebre cartoon I “Flintstones”. Se anche voi siete appassionati di storia e rimanete affascinati dall’abilità incredibile dei nostri avi nel creare manufatti e oggetti visionabili al museo, non perdete l’opportunità di visitarlo!

Il Museo delle Palafitte riapre il 6 e 7 luglio con una grande festa!

Qui troverete gli oggetti d’uso quotidiano rinvenuti negli scavi del villaggio di palafitte che, oltre 4mila anni fa (durante l’Età del Bronzo), si trovava sulla sponda del lago. Nel villaggio ricostruito (dove respirerete una vera aria preistorica!) si svolge anche quest’anno un intenso programma di animazione estiva: due mesi ricchi di laboratori, incontri, eventi e spettacoli pensati per adulti e bambini e nei nuovi spazi del QBO vivrete il museo con degli aperitivi culturali e musicali in stile “radiofonico”. Non perdete gli appuntamenti di luglio.

Vediamoli insieme!
Molina da bere. Il 17 luglio tutti a Molina per assaporare cocktail preistorici con la gelateria Mary Poppins. Il sottofondo musicale sarà quello dei Jambow Jane e la loro musica live.

Per gli amanti del tè delle cinque c’è Diamoci del tè con Lodovico Tavernini e le sue “Storie di tè e delle sue cerimonie”. E per gli amanti del relax salutare c’è lo yoga creativo di Liliana Stella Alexandru.

24 luglio: Molina è sempre da bere con il Malghito, la musica live invece è quella di Dmanisi.

Per gli amanti delle letture vi aspettano i racconti di viaggio di Lorenzo Albertini che ci porterà In Bosnia sulla rotta balcanica.

E poi c’è lo Yoga creativo sempre con Liliana Stella Alexandru.

31 luglioContinua “Molina da bere” con tanti cocktail. E gli amanti della musica non possono perdere

Adesso ti do una nota”, introduzione musicale per principianti a cura di Davide Cabassi, direttore artistico di “Kawai a Ledro” che vi aspetta alle ore 20,30 con il concerto di presentazione del calendario 2019 con Tatiana Larionova.

Buon compleanno ponale!

Domenica 14 luglio, dalle ore 10.00 non perdetevi il raduno di Camion Storici alle “zete” del Ponale.

Il raduno di mezzi storici vi farà rivivere paesaggi, esperienze e racconti di chi ha vissuto la Ponale di una volta, quando non era ciò che conosciamo e amiamo oggi ovvero un percorso trekking and bike che fa innamorare di sé milioni di turisti da tutto il mondo. Un nuovo modo dunque di raccontare e festeggiare la Ponale. E al pomeriggio tutti a guardare lo spettacolo teatrale “Zanzanù. Il bandito del lago”, a cura della Compagnia Teatrale “L’archibugio” di Lonigo (VI).

Età del rock con rulli frulli band e presentazione progetto “sbroccati”

Domenica 28 luglio, alle ore 20.30 al Museo delle Palafitte del Lago di Ledro ritorna il consueto appuntamento con la rassegna “Età del rock” ed un concerto dei Rulli Frulli, la banda giovanile di Finale Emilia che ritorna a Ledro dopo il successo del 2017. A dirigere questo gruppo ricco ed eterogeneo è Federico Alberghini (direttore) insieme a tre collaboratori: Marco Golinelli, Sara Setti e Federico Bocchi. Questa band pazzerella ha un grande cuore e una grande passione, rafforzatasi dopo gli eventi tragici del sisma che ha colpito l’Emilia nel 2012. La loro energia è pura gioia per tutti coloro i quali assistono ai loro concerti. Preparatevi, non riuscirete a stare fermi!

L’estate in Valle di Ledro è tutta da scoprire. Il suo lago verde smeraldo vi aspetta per un bagno rinfrescante nelle sue acque e il museo, più strutturato e organizzato che mai è pronto a travolgere grandi e piccini con le sue attività per dire tutti insieme: “ Yabadabaduuu”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *