Menu Ledro: la cucina dell’esodo

30 ottobre 2018 8:04 am

La storia, anche la più triste, riecheggia e a volte lo fa in modi meravigliosi, come a tavola.

Un piatto spesso è molto più che una buona pietanza da gustare. Il cibo è memoria. Come Proust assaggiando una “madeleine” ricorda la sua infanzia, così un intero popolo, quello della Valle di Ledro, riassaporando alcuni piatti poi divenuti anche tradizione ledrense, rivive le intense emozioni di una storia lontana cento anni ma vicina più che mai nello spirito e nel cuore.

Un secolo fa è avvenuto un vero e proprio “incrocio” di cultura e tradizione culinaria conseguente al drammatico trasferimento della gente ledrense nei territori dell’Europa dell’Est all’inizio della Grande Guerra.

Dal trasferimento forzato nell’attuale Repubblica Ceca ha infatti preso vita un successivo confronto e una commistione negli usi, compresa l’introduzione nella tradizione culinaria della Valle di Ledro, di piatti caratteristici della cultura boema: lo Gnocco Boemo, il gulasch, il Bramborak e il soffice impasto dolce delle livanze.

Piatti che rivivono grazie a quattro ristoranti della Valle di Ledro che vogliono rendere omaggio alla Boemia proponendo dei menu ricchi di specialità ceche ma più ledrensi che mai!

Menu ceco – un ponte fra due mondi

La Valle di Ledro si caratterizza per essere una vallata di incredibile ricchezza che oltre a prodotti genuini garantiti dall’eccezionale ambiente e contesto naturale in cui è inserita (meritevole dell’inserimento nel progetto Riserva della Biosfera di Unesco), gode di una tradizione e di una storia secolare che ne fanno uno dei baricentri della tradizione gastronomica trentina.

Ecco allora che quattro ristoranti si uniscono per celebrare e onorare quella storia e quella memoria che va protetta e tramandata alle generazioni future. E quale migliore “scusa” se non l’incontro fra due mondi culinari?

Potete venire a scoprire il gusto della storia e il menu Ledro – La cucina dell’esodo dal 1 al 4 Novembre e dall’8 al 9 dicembre (solo a cena o quando indicato). Il menu comprende oltre alle pietanze proposte, anche acqua, caffè e digestivo.

I ristoranti e le loro specialità

Ristorante Albergo Maggiorina, Osteria La Torre, Il Ristorante dell’Elda, Ristorante Locanda Le Tre Oche. Sono questi i ristoranti in Valle di Ledro che vi presenteranno dei menu della memoria creati ad hoc per voi e per esaltare i ricordi di una storia che non può che essere celebrata nel migliore dei modi: a tavola.

Lo gnocco boemo su tutti, è la preparazione più celebre di tradizione ceca: realizzati con ingredienti semplici e facilmente reperibili (entrambe le popolazioni versavano infatti in condizioni di povertà), gli gnocchi boemi presentano un impasto simile a quello del pane (se fatti con lievito perché alcune preparazioni prevedono invece le patate) e si possono preparare nella versione dolce oppure accompagnarli a crauti o spezzatino.

Ma anche altre specialità da leccarsi i baffi vi aspettano:

I bramborak ad esempio, ovvero squisite frittelle di patate; o ancora le livanze cioè frittelle dolci da condire con marmellata di mirtilli e zucchero a velo.

I ledrensi hanno assorbito e fatto proprie le tradizioni boeme apprese nell’attuale Repubblica Ceca in quattro anni di esilio. Al ritorno, le ricette sono state tramandate di madre in figlia sino ad oggi.

Potete gustare anche voi queste preparazioni in questi quattro ristoranti della Valle di Ledro per omaggiare un popolo che non vuole dimenticare la sua storia e che la celebra nel migliore dei modi, a tavola, gustando boccone dopo boccone la sua incredibile identità.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *